23.11.13 The Day of One Direction?


When we first met Susan grooving on her transistor radio, was she actually listening to “One Direction” and not “John Smith and the Common Men” as is commonly believed? Did she use a perception filter and tell Ian Chesterton a little fib to spare him some temporal anomalies? Was she actually in love with Harry Styles? Sorry, Harry who? The only “Harry” Whovians are acquainted with is the dashing ex-medic from UNIT and the only Styles we know is the peace-loving diplomat from “The Day of the Daleks”. 

Who are “One Direction”? They are a highly successful English-Irish pop boy band who signed to Simon’s Cowell’s record label a few years ago after coming third in TV’s “X-Factor”. But why would a Whovian actually care about Harry Styles and his fellow band members? Because arguably “One Direction” have encroached on Doctor Who’s territory and we are on the brink of a Time-Lord vs Teenager turf war that makes the Time War itself look like a game of conkers. 

23 November has been declared “One Direction Day” or “1D Day”. There will be seven hours of continuous live streaming of the band. “Directioners” will have the chance to interact with their heroes. There will be sketches by the band, special guest appearances and fan generated videos. The day is set to coincide with the release two days later of their album “Midnight Memories”. For Whovians that only means nostalgia for a 2008 RTD classic! Other fans nonchalantly shrug their shoulders and settle down to watching “The Enemy of the World” for the umpteenth time. However there are many disgruntled Whovians who consider “One Direction” just that. As bad as, if not worse than Salamander. To their minds there is one thing and one thing only that we should be celebrating on 23 November: “The Day of the Doctor”. 

An online petition has been launched http://tinyurl.com/nn3ytot. It is calling for “1D Day” to be cancelled. On the “Digital Spy” Doctor Who forum the band has been accused of “stealing, usurping, infecting, infesting and smothering” Doctor Who’s 50th anniversary. Propaganda has been published on Facebook and other social networks to aid the Whovian cause. Some fans are even worried that they might now not get their highly anticipated “Google Doodle” on the Doctor’s fiftieth. 

But hang on a Donald Cotton picking moment, haven’t we always shared 23 November with a historical event of epic proportions? Haven’t we always reeled off a certain fact? Entertained, nay, enthralled family and friends with this classic example of our encyclopedic knowledge of the series? Doctor Who started the very day President Kennedy was assassinated. In all seriousness, this was a tragic day for America and the whole world. We can never know how, but his death would change the course of history. (I would strongly recommend reading Stephen King’s time travel novel on the subject: “11/22/63”)

In reality, Doctor Who shares its birthday with a whole host of anniversaries, some of which are as terrible as Kennedy’s assassination itself. On 23 November 1984 a London tube fire trapped hundreds of passengers in smoke-filled tunnels for three hours. In 1996 on the same day a hijacked passenger jet ran out of fuel and crashed into the Indian Ocean. In Southern Italy a devastating earthquake killed over 3000 people in 1980. These awful tragedies aside, it is also the day when the jukebox made its debut in San Francisco (1889), the pencil sharpener was patented (1897) and Pink Floyd released “The Wall”, selling 6 million copies in two weeks (1979). How can we forget Miley Cyrus, born on that day in 1992?

 

Doctor Who shares its birthday with some important figures from recent history. Frontier outlaw “Billy the Kid” (see above) was born in 1859, Frankenstein horror actor Boris Karloff in 1887 and movie comedian, Harpo Marx the following year. It is coincidental and brings a smile to my face that only a phenomenon like Doctor Who can carry on their tradition of adventure, scares and humour all in the same show. 

As for Doctor Who related trivia, Sylvester McCoy’s superhero companion, David Rappaport, was born on 23 November 1951. Too many of us have forgotten their famous “O-Men” act (from TV’s “Jigsaw”), that blundering duo who were summoned every time a word with a double O was used! And let’s not forget the TV celebrity who announced the Twelfth Doctor to the world with such passion and verve. Zoe Ball herself was born on the same date in 1970.


In conclusion, we can see that Doctor Who already shares its birthday with so many illustrious personalities and significant historical events. Why should this year be any different? I could be childish and tease “One Direction, you may have got “1D Day”, but I have got “3D Day” in cinemas all over the world!” But when in doubt always ask, “What would the Doctor do?”. Would he approve of an online petition? Of course not. Peter Capaldi himself wisely said, “Doctor Who belongs to all of us.” So does November 23. Why not reach out an olive branch to One Direction? Just for one day, on November 23, let’s rename the Tardis “Time and Relative Directions in Space”! Susan Foreman would surely approve.

(L’articolo è stato tradotto in italiano da “Whoniverse. Come Along Whovians”) 


23 novembre 2013: The Day of One Direction?

Quando incontrammo per la prima volta Susan che se la spassava con la sua radiolina portatile, stava in realtà ascoltando gli One Direction invece che John Smith and the Common Men come credono tutti? Stava usando un filtro di percezione e ha detto una piccola bugia a Ian Chesterton per risparmiargli qualche anomalia temporale? Era in realtà innamorata di Harry Styles? Scusate, ma Harry chi? L’unico “Harry” che gli Whovians conoscono è l’affascinante ex-medico della UNIT e l’unico Styles che conosciamo è il diplomatico amante della pace di “The Day of the Daleks”.
Chi sono gli One Direction? Sono una famosissima boyband pop anglo-irlandese che ha firmato un contratto con la casa discografica di Simon Cowell, dopo essere arrivati terzi ad “X-Factor”. Ma perché uno whovian dovrebbe preoccuparsi di Harry Styles e dei suoi compagni di band? Perché presumibilmente gli “One Direction” hanno fatto irruzione sul territorio di Doctor Who e siamo sul ciglio di una guerra tra Time Lords e Teenager che farà sembrare la Guerra del Tempo un battibecco tra vicini di casa.
Il 23 Novembre è stato dichiarato il “One Direction Day” o “1D Day”. Ci saranno sette ore di live streaming continuo della band. Le directioners potranno interagire coi loro idoli. Ci saranno sketch della band, ospiti speciali e video fanmade. Il giorno è stato deciso per coincidere con il rilascio, due giorni dopo, del loro ultimo album “Midnight Memories”. Per gli whovian può significare soltanto la nostalgia per un classico del 2008 scritto da Russell T. Davies! Altri fan scrollano le spalle con nonchalance e si mettono a guardare “The Enemy of the World” per l’ennesima volta. Ad ogni modo, ci sono molti whovian contrariati che vedono gli One Direction come qualcosa di uguale, se non peggiore di Salamander. Secondo loro c’è una sola cosa che dovremmo celebrare il 23 novembre: “The Day of the Doctor”.
È stata lanciata una petizione online in cui si chiede che il “1D Day” sia cancellato. Sul forum di Doctor Who “Digital Spy”, la band è stata accusata di “rubare, usurpare, infettare, infestare e soffocare” il 50° anniversario. È stata pubblicata la propaganda su Facebook e su altri social network per appoggiare la causa degli whovian. Alcuni fan sono preoccupati addirittura perché potrebbero non avere il tanto atteso “Google Doodle” sul cinquantenario del Dottore.
Ma fermi un secondo, non abbiamo sempre condiviso il 23 novembre con un evento storico di proporzioni epiche? Non abbiamo sempre declamato un certo fatto? Intrattenuto, no ma che dico, ammaliato familiari e amici con un classico esempio della nostra conoscenza enciclopedica della serie? Doctor Who è cominciato proprio nel giorno in cui il Presidente Kennedy è stato assassinato. Volendo essere seri, fu un giorno tragico per l’America e per tutto il mondo. Non possiamo sapere come, ma la sua morte ha cambiato il corso della storia. (E per questo vi suggerirei di leggere il romanzo di Stephen King sui viaggi nel tempo e sul soggetto del: “11 / 22 / 63″ [in America il mese viene messo prima del giorno, ndr]).
In realtà, Doctor Who condivide il suo compleanno con una marea di anniversari, alcuni altrettanto terribili quanto lo stesso omicidio di Kennedy. Il 23 novembre 1984 un incendio nella metropolitana londinese ha intrappolato centinaia di passeggeri in gallerie piene di fumo per tre ore. Nel 1996, lo stesso giorno, un jet carico di passeggeri venne dirottato e si schiantò nell’Oceano Indiano per esaurimento di carburante. In Irpinia un devastante terremoto ha ucciso oltre 3000 persone nel 1980. Oltre a queste orrende tragedie, è anche il giorno in cui il jukebox debuttò a San Francisco nel 1889, il temperino fu brevettato (1897) e i Pink Floyd, nel 1979, rilasciarono “The Wall”, che riuscì a vendere 6 milioni di copie in due settimane. Quasi dimenticavo Miley Cyrus, che è nata nello stesso giorno nel 1992.
Doctor Who condivide il suo compleanno con alcune figure importanti della storia recente. Il fuorilegge del West “Billy the Kid” nacque nel 1859; l’attore dell’horror che interpretò Frankenstein, Boris Karloff, venne al mondo nel 1887 e l’anno successivo nacque il comico Harpo Marx. È qualcosa di fortuito e mi fa sorridere che solo un fenomeno come Doctor Who sia stato in grado di tramandare la loro tradizione di avventure, spavento e comicità in un solo show.
Per quanto riguarda fatti inerenti a Doctor Who, il compagno supereroe di Sylvester McCoy, David Rappaport, è nato il 23 novembre 1951. Troppi hanno dimenticato la loro scena degli “O-men” dal programma “Jigsaw”, in cui la goffa coppia appariva ogni volta che veniva usata una parola con la doppia O! E non dimentichiamo colei che ha annunciato il Dodicesimo Dottore al mondo con una tale passione e verve: Zoë Ball è nata nella stessa data nel 1970.
In conclusione, possiamo vedere che Doctor Who condivide già il suo compleanno con così tante personalità illustri e avvenimenti storici significativi. Perché quest’anno dovrebbe essere differente? Potrei essere infantile e canzonare: “One Direction, voi avete il vostro ’1D Day’, ma io ho un ’3D Day’ nei cinema di tutto il mondo!” Ma quando si è in dubbio, dovremmo sempre domandarci: “Cosa farebbe il Dottore?” Approverebbe la petizione online? Certamente no. Lo stesso Peter Capaldi ha saggiamente detto: “Doctor Who appartiene a ciascuno di noi”. E così è anche per il 23 novembre. Perché non passiamo un ramo d’olivo agli One Direction? Solo per un giorno, il 23 novembre, rinominiamo il Tardis “Time and Relative Directions in Space”! Susan Foreman approverebbe di sicuro.
Advertisements

2 thoughts on “23.11.13 The Day of One Direction?

  1. I disagree I think the Doctor would want us to protest and make our voices heard in a reasonable and calm fashion such as a petition. I just hope this doesn't cause a stupid rivalry and provide one direction with free publicity. The band won't last, the show will.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s